Villacidro: due vite spezzate da una lite e un coltello.

Oggi mi trovo a riflettere, qui su “Vitae”, su un fatto che è capitato la scorsa notte a Villacidro.

Nelle più famose testate giornalistiche regionali si legge che un ragazzo nigeriano ha accoltellato un ragazzo ghanese più volte provocando così la morte di quest’ultimo, tutto questo all’interno del centro d’accoglienza che gli ospitava.

Ora mi chiedo cosa ci sia di sbagliato nel sistema, se due persone che convivono nella stessa casa arrivano spesso a liti pesanti tanto da provocare la morte di uno dei due ,sicuramente qualcosa che non và esiste.

Senza dubbio troverò opinioni contrastanti, ci sono quelli che dicono che “devono tornare a casa loro” chi afferma invece che vanno aiutati e chi rimane neutrale.

Io non voglio in questo momento schierarmi con nessuna delle parti in questione ma, analizzare un fatto di cronaca che è accaduto e che ha rovinato due giovani vite.

La prima quella del ghanese di soli 19 anni che viene stroncata da un quasi suo coetaneo per fatti ancora da definire e la seconda quella dell'”assassino” che preso dall’ira e dall’esasperazione delle continue liti è arrivato a fare un gesto imperdonabile.

Due vite diverse che a modo loro vanno in frantumi una perchè è la sua vita a finire. l’altra perchè dopo aver attraversato il mare in difficoltà assurde, si ritrova a perdere ogni speranza a causa di un atto fatto per chissà quale triste motivo.

Due vite che cercavano a modo loro la rinascita si trovano davanti a un triste tramonto.

In tutto questo mi chiedo se anche il sistema di accoglienza non abbia falle al suo interno, ragazzi di varie etnie e religioni vengono mischiati fra loro e obbligati alla convivenza, persone con storie diverse e culture diverse a coabitare insieme in spazi talvolta ristretti, al non far nulla della giornata, che mano a mano diventa interminabile.

Senza dubbio si dovrebbe ragionare anche su questo quando ci trova davanti a un gesto tanto grave.

Spero che chi di dovere faccia luce sull’accaduto e magari anche sulle condizioni che queste ragazzi hanno davanti ogni giorno.

Per me oggi rimane comunque una giornata triste perchè due giovani storie sono arrivate al loro triste finale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...