Nutrizionando: le sane abitudini al tempo del coronavirus

Torna la rubrica della nostra dottoressa Debora Loru, che ci dai i giusti consigli per quanto riguarda l’alimentazione in questo periodo di quarantena.

“Probabilmente sembrerà forse futile, vista l’attuale emergenza sanitaria, parlare anche di alimentazione e nutrizione, ma come faremo a seguire un regime alimentare in questi giorni di isolamento?

Qual è dunque il mio consiglio dal punto di vista fisico-nutrizionale?

È possibile fare prevenzione a tavola? Quali alimenti privilegiare durante la quarantena?

Probabilmente non ci muoviamo quanto prima e di conseguenza anche l’alimentazione dovrà essere diversa, attenzione alle calorie!! Riduciamo le porzioni!!

È indispensabile privilegiare alimenti leggeri e digeribili per non aumentare le calorie a fronte di un diminuito movimento, facciamo attenzione ai condimenti, alle carni grasse, ai prodotti raffinati e ricchi di zuccheri. Scegliamo spuntini a base di frutta, spremute o centrifugati vegetali.

Il consiglio in generale è quello di seguire una dieta equilibrata: consumiamo cinque porzioni di frutta e verdura di stagione al giorno, cereali integrali, pochi grassi e zuccheri, preferiamo le proteine magre, fondamentale un buon apporto di pesce e carni bianche. Ricordiamoci dell’idratazione: bere tanta acqua!!

Il rischio reale è quello di incappare nel classico vizio della fame da noia. Non sappiamo come occupare il tempo e allora mangiamo. Pomodorini ciliegini, finocchi crudi oppure una mela o una pera sono sempre da tenere a portata di mano quando si vuole sgranocchiare qualcosa.

E se ci sentiamo giù di morale o sentiamo di non essere al 100% un pezzetto di cioccolato è concesso, perché grazie al triptofano produce serotonina, l’ormone del buon umore.

Ricordate che dieta, stress e uno scorretto stile di vita intaccano il sistema immunitario, quindi, coprirsi immunologicamente (ovvero con vitamine e minerali da cibo vero, sano e di stagione), restare attivi e dormire bene, male non fa. Abbiamo dimenticato come si mangia, come si dorme, come si cucina, come si ama, come combattere e prevenire le malattie.

La medicina non è una scienza esatta, ci sono pareri discordanti. I dati possono sempre essere letti in almeno due modi (es. 2% di morti oppure 98% di guariti). Siamo in una fase di conoscenza, si fanno studi, si lanciano teorie, stiamo cercando di avvicinarci alla verità, nel frattempo si crea confusione, imbarazzo, disorientamento e rabbia. Dov’è la fiducia nei nostri medici e biologi? Dov’è il rispetto delle istituzioni? Dov’è l’umiltà che ti fa dire “io non sono un professionista, non dovrei commentare, ne rimango fuori”?

Dott.ssa Debora Loru”

Per vedere altri articoli della rubrica nutrizionando clicca qui

Per andare alla home di vita clicca qui

Per mettere mi piace alla nostra pagina Facebook clicca qui

unnamed

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...