Qual’è il modo migliore per conservare i farmaci? Ce lo spiega la dottoressa Fanni

Penso che a tutti sia venuto il dubbio su come conservare i farmaci, infatti per preservare l’efficacia e la sicurezza dei farmaci è opportuno seguire alcune semplici regole.
Temperatura e ambiente
È importante conservare i farmaci, in particolare capsule e compresse, in luoghi asciutti. Quindi l’armadietto dei medicinali non dovrebbe essere posto in bagno o in cucina.
Quando non è esplicitamente indicato sulla confezione, i farmaci non devono essere conservati nel frigorifero né, tanto meno, nel congelatore.
La temperatura ideale è inferiore a 25° C, per questo è utile che l’armadietto dei medicinali non sia esposto alla luce diretta (magari proveniente da una finestra). Alcuni farmaci sono “fotosensibili”, si decompongono alla luce.
È consigliabile inoltre collocare l’armadietto dei medicinali lontano da fonti di calore (calorifero, camino, stufa). Diversi principi attivi, se riscaldati, possono perdere la propria efficacia.
Evitare di lasciare i farmaci in automobile per lungo tempo, al fine di non sottoporli a sbalzi di temperatura o di umidità.
Inoltre, è bene non mettere, nell’armadietto dei medicinali, sostanze pericolose, quali ammoniaca, benzina o acetone. Sono soprattutto i solventi, che evaporano facilmente, i più pericolosi: i vapori possono alterare i principi attivi o le confezioni dei farmaci.
Bambini e confezione originale
È opportuno conservare i farmaci lontano dalla portata dei bambini. Soprattutto i bimbi piccoli hanno l’abitudine di mettere in bocca tutto ciò che trovano e quindi corrono il rischio di intossicarsi.
È sufficiente posizionare l’armadietto dei medicinali a un’altezza raggiungibile soltanto dagli adulti.
Di fondamentale importanza conservare i farmaci nella confezione originale, così da avere sempre a disposizione anche il foglietto illustrativo e la data di scadenza del prodotto
In viaggio
Chi viaggia in aereo deve preoccuparsi di portare con sé, nel bagaglio a mano, i medicinali. Le stive degli aerei, infatti, non dispongono di una temperatura controllata, la quale può oscillare tra il troppo caldo e il troppo freddo.
Va ricordato che per il bagaglio a mano devono essere rispettate le normative inerenti la sicurezza; quindi, in caso di dubbi, è opportuno richiedere alla compagnia aerea le informazioni desiderate, al momento dell’acquisto del biglietto.
In viaggio (per vacanza o lavoro), è sempre buona regola portare con sé una copia della ricetta medica dei farmaci che la prevedono, così da poterli acquistare anche lontano da casa.

armadietto-dei-medicinali

Dottoressa Cristina Fanni

Un pensiero su “Qual’è il modo migliore per conservare i farmaci? Ce lo spiega la dottoressa Fanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...